fidanzati La Siragusa

Bonus Matrimonio 2018

novembre 9th, 2017 Posted by blog, ispirazioni No Comment yet

Matrimonio in vista?

Approfitta del Bonus Matrimonio

Stai progettando il tuo matrimonio? Approfitta del Bonus Matrimonio, o più correttamente Assegno per Congedo Matrimoniale messo a disposizione dell’INPS.

Ma vediamo nel dettaglio cosa è e a chi si rivolge questa agevolazione riservata ai neo sposi.

L’assegno per congedo matrimoniale è erogato in occasione del congedo straordinario di otto giorni concesso per matrimonio civile o concordatario, da usufruire nei 30 giorni successivi alle nozze.

Il bonus varia a seconda della categoria di lavoratori per cui:

  • Agli operai e apprendisti: spetta un bonus pari a 7 giorni di retribuzione meno la percentuale giornaliera a carico del lavoratore che è di 5,54%;.
  • Lavoratori a domicilio: spetta un assegno matrimoniale pari a 7 giorni di guadagno medio giornaliero meno 5,54%.
  • Marittimi: spetta un bonus pari a 8 giornate di lavoro medio giornaliero detratto della percentuale a carico del lavoratore pari al 5,54%.
  • Part- time verticale: spetta solo per i giorni di retribuzione che cadono in quelli in cui dovrebbe essere svolta l’attività lavorativa, dall’importo si detrae sempre la quota a carico del lavoratore.

Tale agevolazione viene pagata dal proprio datore di lavoro per i dipendenti, mentre per i disoccupati l’agevolazione è concessa direttamente dall’INPS.

L’assegno è cumulabile con l’indennità INAIL per infortunio sul lavoro fino al raggiungimento dell’importo che sarebbe spettato a titolo di retribuzione. Di conseguenza, sarà corrisposta la differenza tra la retribuzione spettante e l’importo corrisposto dall’INAIL a titolo di inabilità temporanea.

L’assegno non è cumulabile con le prestazioni di malattia, maternità, cassa integrazione ordinaria e straordinaria, trattamenti di disoccupazione ( NASpI), perché sono sostitutive della retribuzione. In questi casi sarà corrisposto l’assegno per il congedo matrimoniale in quanto più favorevole.

Durante il congedo matrimoniale il lavoratore conserva il diritto all’assegno per il nucleo familiare.

Ma come presentare domanda?

I lavoratori occupati devono presentare la domanda al datore di lavoro alla fine del congedo e non oltre 60 giorni dal matrimonio, mentre i lavoratori disoccupati o richiamati alle armi devono presentare domanda all’INPS entro un anno dalla data del matrimonio.

Sul sito dell’INPS sono reperibili tutte le info e le modalità di presentazione della domanda.

 

 

 

Tags: , ,

The comments are closed.